Questionario sulle abitudini alimentari nell’attività subacquea: i risultati di Eudi Show 2017

Durante la tre giorni di Eudi Show dal 3 al 5 marzo 2017, nel nostri stand Floriana Sacco (INAIL DC Ricerca DiMEILA – Monte Porzio Catone – Roma)e il Dott. Corrado Costanzo (Centro Iperbarico Romano) hanno somministrato un questionario sulle abitudini alimentari nell’attività subacquea.

 “Una buona alimentazione è importante per mantenere sano il nostro organismo e farlo funzionare al meglio fornendo la giusta energia.”

Qual è quindi la corretta alimentazione nell’attività subacquea? Chi fa attività subacquea che tipo di alimentazione ha e quale invece dovrebbe avere? I ricercatori stanno cercando di indagare questi aspetti per capire in che modo l’alimentazione possa influenzare le prestazioni di un subacqueo e se, in qualche modo, sia correlata ad alcune patologie legate a questo genere di attività.

Il nostro corpo è come una bilancia, le calorie assunte con il cibo in grado di fornire energia dovrebbero essere pari a quelle spese, secondo il processo dell’Omoeostasi (raggiungimento dell’equilibrio metabolico).

Nel questionario sono state proposte alcune domande per analizzare i due “piatti della bilancia”.

Ecco i principali risultati ottenuti dalle risposte.

Hanno partecipato all’indagine 62 soggetti suddivisi in:

mf_simsi sub_simsi fumatori_simsi

Per la parte alimentare è stato utilizzato il questionario PANAGIOTAKOS, attraverso cui si chiede di indicare il consumo settimanale di alcuni alimenti, olio di oliva, alcolici e la quantità giornaliera di acqua assunta.

cibi_simsi alimenti_settimana_simsi
olio_simsi alcool_simsi acqua_simsi

 

Per la parte di attività fisica è stato proposto il box di domande IPAQ (International Physical Activity Questionnaire – Valutazione dell’attività fisica quotidiana).

Attività fisica vigorosa: 
Le attività fisiche vigorose sono quelle che richiedono uno sforzo fisico duro e che fanno respirare con un ritmo molto più frequente rispetto al normale (sollevare oggetti pesanti, zappare, fare aerobica, o pedalare in bicicletta ad una certa velocità, ecc.).
La maggior parte degli intervistati fa attività di questo genere da due a quattro volte a settimana per circa un’ora/un’ora e mezza.

Attività fisica moderata:
“Le attività fisiche moderate sono quelle che richiedono uno sforzo fisico leggero come portare pesi leggeri, andare in bicicletta ad un ritmo regolare oppure giocare il doppio a tennis? Non include il camminare”.
La maggior parte degli intervistati fa attività di questo genere più di una o da due a quattro volte a settimana per circa mezz’ora.

Camminare:
La maggior parte degli intervistati cammina tutti i giorni a passo sostenuto per circa mezz’ora. 

Stare seduti:
La maggior parte degli intervistati sta seduta tutti i giorni per più di cinque ore. 

Potete scaricare direttamente da qui i risultati completi del questionario.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *